Inno nazionale dell’Isola di Man

Il testo dell’Inno Nazionale dell’Isola di Man

Arrane Ashoonagh dy Vannin

O Halloo nyn ghooie,
O’ Ch’liegeen ny s’bwaaie,
Ry gheddyn er ooir aalin Yee ;
Ta dt’ Ardstoyl Reill Thie,
Myr Barrool er ny hoie
Dy reayl shin ayns seyrsnys as shee.

Tra Gorree yn Dane
Haink er traie ec y Lhane,
Son Ree Mannin v’eh er ny reih;
’S va creenaght veih Heose
Er ny chur huggey neose
Dy reill harrin lesh cairys as graih.

Ren nyn ayryn g’imraa
Va Nooghyn shenn traa,
Yn Sushtal dy Hee fockley magh;
Shegin yeearree peccoil,
Myr far aileyn Vaal,
Ve er ny chur mow son dy bragh.

Vec ooasle yn Theihll,
Ayns creoighys tooilleil,
Ta traaue ooir as faarkey, Gow cree
Ny jarrood yn fer mie,
Ta coadey ’n lught-thie
Ren tooilleil liorish Logh Galilee.

D’eiyr yn sterrm noon as noal
Yn baatey beg moal,
Fo-harey hug Eh geay as keayn;
Trooid ooilley nyn ghaue,
Ta’n Saualtagh ec laue
Dy choadey nyn Vannin veg veen.

Lhig dorrinyn bra
Troggal seose nyn goraa,
As brishey magh ayns ard arrane;
Ta nyn groink aalin glass
Yn vooir cummal ass,
As coadey lught-thie as shioltane.

Nyn Ellan fo-hee,
Cha boir noidyn ee,
Dy bishee nyn eeastyn as grain;
Nee’n Chiarn shin y reayll
Voish strieughyn yn theihll
As crooinnagh lesh shee ’n ashoon ain.

Lhig dooin boggoil bee,
Lesh annym as cree,
As croghey er
gialdyn yn Chiarn;
Dy vodmayd dagh oor,
Treish teil er e phooar,
Dagh olk ass nyn anmeenyn ’hayrn.

Arrane Ashoonagh dy Vannin

O terra della nostra nascita,
O gemma della terra di Dio,
O Isola così forte e così giusta;
Costruita solida come Barrule,
Il Tuo Trono della Casa Regola
Rendici liberi come la tua dolce aria di montagna.

Quando Orry, il danese,
A Mannin regnava,
“Diceva di essere venuto dall’alto;
Per la saggezza dal cielo
A lui era stato dato
Per governarci con giustizia e amore.

I nostri padri hanno detto
Come i santi sono venuti da vecchi,
Proclamare il Vangelo della pace;
Che desideri peccaminosi,
Come i falsi incendi di Baal,
Dobbiamo morire prima che i nostri problemi cessino.

Figli della terra,
In difficoltà e fatica,
Che arano sia la terra che il mare,
Prendetevi il cuore finché potete,
E pensa all’Uomo
Chi ha lavorato sul lago di Galilea.

Quando le tempeste feroci si abbattono
Quella fragile barchetta,
Cessarono al Suo gentile comando;
Nonostante tutte le nostre paure,
Il Salvatore è vicino
Per salvaguardare la nostra cara Patria.

Che i venti di tempesta gioiscano,
E alzare la voce,
Non c’è pericolo che le nostre case possano cadere;
Le nostre verdi colline e rocce
Circondate i nostri greggi,
E tenere fuori il mare come un muro.

La nostra isola, così benedetta,
Nessun nemico può molestare;
Il nostro grano e il nostro pesce aumenteranno;
Dalla battaglia e dalla spada
Proteggete il Signore,
E corona la nostra nazione con la pace.

Allora rallegriamoci
Con cuore, anima e voce,
E nella promessa del Signore confidare;
che ogni singola ora
Confidiamo nel Suo potere,
Non c’è male che le nostre anime possano essere malvagie.

L’Inno Nazionale dell’Isola di Man è stato scritto da John Kneen e composto da William Henry Gill.

Il motto dell’Isola di Man : Ovunque lo si lanci, reggerà.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *