Vai al contenuto

Inno nazionale della Romania

Il testo dell’Inno Nazionale della Romania

Desteapta-te, romane!

Deșteaptă-te, române, din somnul cel de moarte,
În care te-adânciră barbarii de tirani!
Acum ori niciodată, croiește-ți altă soartă,
La care să se-nchine și cruzii tăi dușmani.

Acum ori niciodată să dăm dovezi la lume
Că-n aste mâni mai curge un sânge de roman,
Și că-n a noastre piepturi păstrăm cu fală-un nume
Triumfător în lupte, un nume de Traian!

Priviți, mărețe umbre, Mihai, Ștefan, Corvine,
Româna națiune, ai voștri strănepoți,
Cu brațele armate, cu focul vostru-n vine,
“Viața-n libertate ori moarte!” strigă toți.

Preoți, cu crucea-n frunte căci oastea e creștină,
Deviza-i libertate și scopul ei preasfânt.
Murim mai bine-n luptă, cu glorie deplină,
Decât să fim sclavi iarăși în vechiul nost’pământ!

Risvegliati, romeno!

Risvegliati, romeno, dal sonno della morte,
Al quale ti hanno sprofondato i barbari tiranni!
Ora o mai più ritagliati un’altra sorte
al quale dovranno inchinarsi anche i tuoi crudeli nemici!

Ora o mai più diam prova al mondo
Che in queste vene ancora scorre del sangue Romano,
E che nei nostri petti conserviamo con orgoglio un nome
Trionfatore in battaglia, il nome di Traiano!

Guardate, grandiose ombre, Michele, Stefano, Corvino
La Nazione romena, i vostri discendenti
Con in mano le armi, col vostro fuoco nelle vene
“Vita in libertà, oppure morte”, gridano tutti.

Preti, con la croce in fronte, poiché l’Esercito è cristiano,
Il motto è libertà e santo il suo scopo.
Meglio morire in lotta, in piena gloria
Che restare schiavi nella nostra antica terra!

L’Inno nazionale della Romania “Risvegliati, romeno!” è stato scritto da Andrei Mureșanu e composto da Anton Pann.

La Romania non ha un motto ufficiale.

2 commenti su “Inno nazionale della Romania”

  1. Certo che gli antichi romani hanno lasciato il segno anche sull’inno Rumeno.
    Devono essere stati conquistatori ma anche e soprattutto portatori di civiltà e progresso.
    Non posso fare altro che ringraziare il popolo Romeno per aver inserito il ricordo di quello che fu uno dei più grandi condottieri romani, Traiano, di quello che più sacro hanno, l’ inno nazionale, grazie.

    1. Sei stato informato molto male. La civilizzazione inizia lì dove c’è oggi la Romania. La magnifica Geția(Gezia).Quindi, la Terrasanta per molti di voi e di noi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.