Inno nazionale della Moldavia

Il testo dell’Inno Nazionale della Moldavia

Limba noastră

Limba noastră-i o comoară
În adâncuri înfundată
Un șirag de piatră rară
Pe moșie revărsată.

Limba noastră-i foc ce arde
Într-un neam, ce fără veste
S-a trezit din somn de moarte
Ca viteazul din poveste.

Limba noastră-i numai cântec,
Doina dorurilor noastre
Roi de fulgere, ce spintec
Nouri negri, zari albastre.

Limba noastră-i graiul pâinii,
Când de vânt se mișcă vara;
In rostirea ei bătrânii
Cu sudori sfințit-au țara.

Limba noastră-i frunză verde,
Zbuciumul din codrii veșnici,
Nistrul lin, ce-n valuri pierde
Ai luceferilor sfeșnici.

Nu veți plânge-atunci amarnic,
Că vi-i limba prea săracă,
Și-ți vedea, cât îi de darnic
Graiul țării noastre dragă.

Limba noastră-i vechi izvoade.
Povestiri din alte vremuri;
Și citindu-le ‘nșirate, –
Te-nfiori adânc și tremuri.

Limba noastră îi aleasă
Să ridice slava-n ceruri,
Să ne spiue-n hram și-acasă
Veșnicele adevăruri.

Limba noastra-i limbă sfântă,’
Limba vechilor cazanii,
Care o plâng și care o cântă
Pe la vatra lor țăranii.

Înviați-vă dar graiul,
Ruginit de multă vreme,
Stergeți slinul, mucegaiul
Al uitării ‘n care geme.

Strângeți piatra lucitoare
Ce din soare se aprinde –
Și-ți avea în revărsare
Un potop nou de cuvinte.

Răsări-va o comoară
În adâncuri înfundată,
Un șirag de piatră rară
Pe moșie revărsată.

la nostra Lingua

La nostra lingua è un tesoro
Che sorge da profonde ombre del passato,
Una collana di gemme rare
Che si sono sparpagliati in tutto il dominio.

La nostra lingua è una fiamma ardente
In mezzo a un popolo che senza preavviso
Svegliati dal sonno della morte
Come il coraggioso eroe dei racconti.

Il nostro linguaggio è fatto di canzoni
Dai desideri più profondi della nostra anima,
Lampo di fulmine che colpisce rapidamente
Attraverso nuvole scure e orizzonti blu.

La nostra lingua è la lingua del pane
Quando i venti soffiano attraverso l’estate,
Uttered dai nostri antenati che
Benedetto il Paese attraverso il suo lavoro.

La nostra lingua è la foglia più verde
Dell’eterno codris,
Il dolce fiume Dniester si increspa
Nascondere la luce delle stelle luminose e splendenti.

Non più lacrime amare ora
Che la tua lingua è troppo povera,
E vedrete con quale abbondanza
Fate scorrere le parole del nostro prezioso paese.

La nostra lingua è piena di leggende,
Storie dei tempi andati.
Leggere una e poi l’altra
Fa rabbrividire, tremare e gemere.

La nostra lingua è individuata
Per elevare le lodi al cielo,
Sconvolgimento con fervore costante
Verità che non smettono mai di richiamare.

La nostra lingua è più che sacra,
Parole di vecchie omelie
Piangeva e cantava in continuazione
Nelle fattorie della nostra gente.

Risuscitate ora questa nostra lingua,
Arrugginito negli anni che sono passati,
Pulire la sporcizia e la muffa che si sono accumulate
Quando viene dimenticato attraverso la nostra terra.

Raccogliete ora la pietra scintillante,
Catturare la luce del sole.
Vedrete l’inondazione senza fine
Di parole nuove che traboccano.

Un tesoro nascerà rapidamente
Dalle ombre profonde del passato,
Una collana di gemme rare
Che si sono sparpagliati in tutto il dominio.

L’Inno Nazionale della Moldavia è stato scritto da Alexei Mateevici e composto da Alexandru Cristea.

Moldavia non ha un motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *